HomeCuriositàPerché i cinesi hanno gli occhi a mandorla?

Perché i cinesi hanno gli occhi a mandorla?

Perché i cinesi hanno gli occhi a mandorla?

L’aspetto fisico di un popolo è spesso oggetto di curiosità e, in alcuni casi, di vere e proprie stereotipizzazioni. Uno dei tratti somatici più associati alla popolazione asiatica, e in particolare a quella cinese, è la forma degli occhi, comunemente descritti come “a mandorla”. Ma cos’è che determina questa caratteristica distintiva e quali sono i meccanismi genetici e le influenze ambientali che stanno dietro a questo tratto? In questo articolo, esploreremo le ragioni scientifiche, storiche ed evolutive che hanno portato gli individui di origine asiatica, e in particolare i cinesi, ad avere occhi che sembrano richiamare la forma di questo seme oleaginoso.

Le basi genetiche ed evolutive

Il motivo per cui i cinesi e altre popolazioni asiatiche hanno occhi che percepisce come a mandorla ha a che fare con una serie di adattamenti genetici e evolutivi. Uno degli elementi chiave in questo contesto è la presenza della cosiddetta “piega epicantica”, una plica di pelle che ricopre l’angolo interno dell’occhio. Questa caratteristica non è unica alla popolazione asiatica – può essere trovata anche in alcune popolazioni dell’Africa e dell’Europa del Nord – ma è particolarmente prevalente tra gli asiatici dell’est.

La piega epicantica contribuisce a dare agli occhi quella forma più stretta e allungata che è comunemente associata agli asiatici. Il suo ruolo evolutivo non è interamente chiaro, ma alcune teorie suggeriscono che possa essere stata selezionata per offrire protezione dagli elementi, come il vento e la luce solare intensa, particolarmente in ambienti freddi e nevosi, come quelli che si possono trovare nelle regioni settentrionali dell’Asia.

Altri aspetti, come la dimensione della palpebra e il grasso sottocutaneo che contribuisce al contorno dell’occhio, svolgono anch’essi un ruolo nella forma percepita dell’occhio. Il risultato è che gli occhi possono apparire più inclinati, un effetto rafforzato dalla piega epicantica.

L’influenza dell’ambiente e della storia

Al di là della genetica, ci sono molteplici fattori storici ed ambientali che hanno influito sulle caratteristiche fisiche delle popolazioni cinesi. La Cina è un paese di vasta estensione con un’ampia varietà di climi e ambienti che vanno dalle steppe mongole, alle foreste subtropicali, fino alle altezze dell’Himalaya. Questa diversità ha portato a una notevole varietà di tratti somatici all’interno della popolazione cinese, inclusa la forma degli occhi.

Inoltre, le migrazioni storiche e le invasioni hanno introdotto nuovi geni nel pool genetico della Cina. Popolazioni di diverse origini si sono mescolate nel corso dei millenni, contribuendo alla ricca diversità genetica che si riscontra oggi. Tuttavia, la presenza della piega epicantica e altri tratti associati agli occhi a mandorla sono rimasti relativamente stabili, indicando che questi elementi hanno avuto un vantaggio evolutivo significativo.

Il contesto culturale e la percezione degli occhi a mandorla

La percezione degli occhi a mandorla non è solo una questione fisica, ma è anche culturalmente e socialmente costruita. In molte culture, gli occhi hanno un’importanza simbolica e sono spesso descritti come lo “specchio dell’anima”. La forma degli occhi viene attribuita con significati che variano da cultura a cultura, e nel caso degli occhi a mandorla, possono emergere stereotipi e generalizzazioni.

In Occidente, la forma degli occhi asiatici è stata spesso esotizzata o vista come un segno di “alterità”. Questo può portare a percezioni distorte e a una mancanza di comprensione della varietà e della bellezza che esiste all’interno delle caratteristiche fisiche di ogni popolazione. È importante riconoscere che le descrizioni come “occhi a mandorla” sono semplificazioni e che la realtà è molto più complessa e sfumata.

La rappresentazione artistica e la celebrazione della diversità

Nell’arte e nella letteratura, gli occhi a mandorla sono stati soggetto di fascinazione e ammirazione. Artisti e poeti hanno celebrato la bellezza unica di questo tratto, talvolta attribuendogli significati misteriosi o espressivi. È attraverso la rappresentazione artistica che spesso si può vedere la celebrazione delle differenze e la valorizzazione della diversità.

Oggi, la globalizzazione e il melting pot culturale che ne consegue hanno reso il mondo sempre più consapevole e accettante delle varie forme di bellezza umana. La forma degli occhi, compresi quelli descritti come a mandorla, è solo una delle infinite variazioni che rendono l’umanità così incredibilmente varia e interessante.

In conclusione, la forma degli occhi a mandorla che caratterizza molti cinesi è il risultato di un complesso intreccio di fattori genetici, evolutivi, ambientali e storici. Questa caratteristica è stata selezionata nel corso del tempo per adattarsi alle varie condizioni ambientali e per il suo vantaggio evolutivo. Allo stesso tempo, la percezione e la descrizione di questa caratteristica sono state influenzate da contesti culturali e sociali. Celebrare la diversità e comprendere le origini delle nostre differenze fisiche è fondamentale per apprezzare la ricchezza e la complessità della famiglia umana.

Chiara Mancini
Chiara Mancini
Molto piacere, sono Chiara, ho 36 anni e dopo aver girato il mondo e vissuto in ben 4 nazioni differenti (Spagna, Inghilterra e Stati Uniti oltre che l'Italia) ho deciso di tornare a casa. Vivo a Milano e mi occupo di stesura articoli, traduzioni ed interpretariato.
ARTICOLI CORRELATI

Articoli recenti