Home Spettacolo e Gossip Gerard Piqué e il karma: dovrà indossare una maglia con il nome...

Gerard Piqué e il karma: dovrà indossare una maglia con il nome di Shakira. La beffa dell’FC Barcelona al suo calciatore

Gerard Piqué
Gerard Piqué

Gerard Piqué ha tradito la storica compagna Shakira e nessuno gliela vuole perdonare, neanche la sua squadra, o il karma.

Infatti, dopo essere finito nei mesi scorsi al centro della bufera per aver tradito la cantante, con cui è stato legato per oltre 10 anni, oggi arriva un altro duro colpo per il calciatore.

Il calciatore, a cui hanno voltato le spalle anche i fan che durante una partita hanno intonato un coro per la sua ex, dovrà indossare la nuova maglia dell’FC Barcelona con su scritto proprio in nome della cantante.

Gerard Piqué indosserà la maglia con la scritta ‘Shakira’

Neanche la squadra in cui gioca Piqué se la sta passando benissimo da un punto di vista economico, e ha dovuto stringere nuovi accordi finanziari.

Tra questi c’è stata la cessione dello spazio sulle maglie da gioco messo a disposizione di Spotify. Abbiamo già visto la maglietta con l’iconico gufo di Drake che ha raggiunto i 50miliardi di visualizzazioni, ma stavolta sulla maglia ci dovrebbe andare proprio il nome della sua ex compagna e madre dei suoi due figli.

Gerard Piqué

Infatti, la cantante, tra le più popolari star della musica latina, ha da poco raggiunto sulla piattaforma il miliardo di stream per il brano “Hips don’t lie”.

Insomma, per Shakira questa sarebbe proprio una bella rivincita sull’ex fedifrago. E c’è persino qualcuno che dice “Ascolterò Shakira ogni giorno solo per avere il suo logo sulla maglietta di Piqué”.

Gerard Piqué e la dura separazione

Sono ormai diversi mesi che Shakira e Piqué si sono separati a causa dei tradimenti di lui, e ora si avvicina la parte più dolorosa con la divisione dei beni e l’affidamento dei figli.

La cantante ha voluto raccontare come sta vivendo questo difficile momento: “È dura non solo per me, ma anche per i miei figli. Incredibilmente dura. Ci sono paparazzi accampati fuori casa, 24 ore su 24 7 giorni su 7. E non esiste un posto dove possa nascondermi con i miei ragazzi, al di fuori della casa. Non possiamo andare a camminare nel parco né a prendere un gelato né fare qualsiasi altra cosa senza essere seguiti dai paparazzi. È difficile. Ho provato a spiegarglielo, provo a proteggerli, è la mia missione principale nella vita. Ma poi ascoltano cose a scuola dai compagni o si imbattono in spiacevoli news online e ci soffrono molto”.

Exit mobile version