Home Attualità Stati Uniti e Corea del Sud lanciano 8 missili in risposta al...

Stati Uniti e Corea del Sud lanciano 8 missili in risposta al test nordcoreano

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud hanno sparato otto missili balistici nel Mar del Giappone (chiamato Mare dell’Est in Corea) lunedì in risposta ai lanci di missili del giorno prima da parte del paese vicino. Secondo le informazioni del Joint Chiefs of Staff (JCS) raccolte dall’agenzia Yonhap, le forze militari di entrambi i paesi hanno lanciato i missili superficie-superficie dell’Army Tactical Missile System (ATACMS) in un periodo di 10 minuti durante la mattina presto. “Il lancio combinato di missili terra-superficie tra la Corea del Sud e gli Stati Uniti ha dimostrato la capacità e la postura di lanciare attacchi di precisione immediati sulle origini delle provocazioni e sulle loro forze di comando e supporto”, ha detto il JCS in una nota.

Presidente conservatore Yoon Suk-yeol, Sud Corea

L’esercito sudcoreano “condanna fermamente la serie di provocazioni missilistiche balistiche del Nord e lo esorta seriamente a fermare immediatamente gli atti che aumentano le tensioni militari nella penisola e aumentano le preoccupazioni per la sicurezza”, ha aggiunto. Seoul, sotto il governo del presidente conservatore Yoon Suk-yeol dal 10 maggio, sostiene l’indurimento della posizione nei confronti del suo vicino dopo una fase più conciliante con il suo predecessore, e ha detto che risponderanno di conseguenza alle azioni nordcoreane di questo tipo. Questa azione coordinata di Seoul e Washington arriva un giorno dopo che Pyongyang ha sparato un numero identico di missili balistici a corto raggio da diverse località sul suo territorio, in un apparente spettacolo di muscoli a seguito di una manovra navale degli alleati vicino alla penisola coreana. Durante quelle esercitazioni, è stata schierata una portaerei a propulsione nucleare, cosa che non accadeva dalla fine del 2017.

La Corea del Nord ha condotto un record di 18 lanci di missili finora quest’anno, l’ultimo il giorno prima. Nel suo pre-test del 25 maggio, il regime guidato da Kim Jong-un ha sparato due proiettili a corto raggio e un apparente missile balistico intercontinentale (ICBM) dopo più di quattro anni. In quell’occasione, anche Corea del Sud e Stati Uniti hanno risposto con un lancio combinato simile a quello di oggi, il primo che avevano effettuato anche dal 2017, durante una fase di speciale attrito tra le potenze prima di alcuni anni di distensione. Pyongyang, che era solita pubblicizzare tali lanci di protesta nei suoi media statali, non ha ancora commentato i suoi test più recenti.

Exit mobile version