Home Attualità Elon Musk, il sondaggio su Twitter sfidando Alexandria Ocasio-Cortez

Elon Musk, il sondaggio su Twitter sfidando Alexandria Ocasio-Cortez

679
Elon Musk e Alexandria Ocasio Cortez

Giovedì, il CEO di Tesla Elon Musk ha sfidato Alexandria Ocasio-Cortez, membro della camera dei rappresentanti per lo stato di New York del Congresso statunitense, a sondare i suoi follower su Twitter per sapere se diffidavano maggiormente dei miliardari o dei politici.

Il sondaggio su twitter

“Di chi ti fidi di meno? La domanda”, ha twittato, presentando un sondaggio su Twitter che offriva “politici” e “miliardari” come le uniche due opzioni.

Ha poi twittato direttamente a Ocasio-Cortez: “@aoc ti sfido a fare lo stesso sondaggio con i tuoi follower”, la quale non ha risposto.

In meno di tre ore, il sondaggio di Musk ha ricevuto più di 1.100.000 voti, molti dei quali hanno affermato di fidarsi meno dei politici.

Ma come ha sottolineato un utente di Twitter, il sondaggio si è prestato a un effetto amplificatore, con i seguaci di Musk che sono sicuramente più propensi a schierarsi dalla sua parte rispetto a quelli di Ocasio-Cortez che probabilmente sarebbero più scettici nei confronti dei magnati.

“Immagino che il risultato sarebbe l’opposto, data la mentalità di coloro che seguono il suo account sui social media”, ha commentato l’utente , taggando Musk e Ocasio-Cortez.

Elon Musk

Le critiche sull’acquisizione di Twitter

Elon Musk ha attirato critiche da parte di alcuni progressisti in seguito alle sue proposte di allentare le politiche di moderazione dei contenuti di Twitter una volta concluso il suo accordo da 44 miliardi di dollari per acquisire l’azienda privata. I critici temono che i suoi piani possano esacerbare l’incitamento all’odio e la disinformazione sul sito.

Il tweet di venerdì è l’ultimo di una serie di scontri tra Musk e Ocasio-Cortez.

Martedì il rappresentante di New York ha detto a Bloomberg che avrebbe scambiato la sua Tesla con un altro veicolo elettrico prodotto da lavoratori in aziende con i sindacati all’interno. “Mi piacerebbe cambiare”, ha detto.

Elon Musk e i sindacati

Musk è un accanito oppositore dei sindacati. A marzo, il CEO di Tesla ha invitato il sindacato United Auto Workers a indire alcune elezioni presso l’azienda, ma ha sottolineato che gli sforzi dell’UAW sarebbero falliti. “La nostra vera sfida è che la Bay Area (dove si trovano gli stabilimenti di Tesla) non ha disoccupazione, quindi se non trattiamo e ricompensiamo bene le nostre (fantastiche) persone, hanno molte altre offerte e se ne andranno!” aveva twittato Musk.

Ocasio-Cortez si è più volte scagliata contro i miliardari della tecnologia per il loro enorme controllo sulle piattaforme dei social media. “Stanca di dover sottolineare collettivamente quale esplosione di crimini ispirati dall’odio sta avvenendo perché un miliardario con un problema di ego controlla unilateralmente una massiccia piattaforma di comunicazione”, aveva twittato il mese scorso.

Quando Elon Musk ha risposto con “Smettila di provarci con me, sono davvero timido”, Ocasio-Cortez ha chiarito che si riferiva al CEO di Meta, Mark Zuckerberg.

“Come ho detto, problemi di ego”, ha twittato.

Nelle ultime settimane Musk ha affermato di aver votato il partito democratico in passato, ma che alle prossime elezioni il suo voto andrà ai repubblicani in quanto non più d’accordo con le opinioni dei democratici su vari punti. Musk non ha chiarito se stesse parlando delle votazioni di metà mandato o di quelle presidenziali del 2024.