Home Attualità UNICEF: se tutti i paesi consumassero come l’OCSE e l’UE, servirebbero 3,3...

UNICEF: se tutti i paesi consumassero come l’OCSE e l’UE, servirebbero 3,3 pianeti

UNICEF se tutti i paesi consumassero come l'OCSE e l'UE, servirebbero 3,3 pianeti

Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) ha avvertito che se tutti gli abitanti del mondo consumassero risorse al ritmo dei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) e dell’UE, servirebbe per mantenere il consumo stabile l’equivalente di 3,3 pianeti Terra.

“La maggior parte dei paesi ricchi non solo non riesce a fornire ambienti sani ai bambini all’interno dei propri confini, ma contribuisce anche alla distruzione degli ambienti dell’infanzia in altre parti del mondo”, ha affermato Gunilla, direttore dell’Unicef ​​Office of Innocenti Research Olsson.

Alcuni dati raccolti dall’organizzazione hanno a che fare con l’inquinamento. In particolare, Finlandia, Islanda e Norvegia si collocano al terzo posto migliore per fornire un ambiente salubre ai bambini, ma si classificano nel terzo gradino più basso per il livello inquinamento. Paesi come questi, grazie ad un welfare di buona qualità e ad una particolare attenzione verso le generazioni future, sono in grado di ottenere al contempo risultati incoraggianti e livelli di inquinamento tollerabili.

Allo stesso modo in Belgio, Israele, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca e Svizzera, più di un bambino su dodici è esposto a livelli elevati di contaminazione da pesticidi, mentre in Islanda, Lettonia, Portogallo e Regno Unito, un bambino su cinque è esposto all’umidità e alla muffa in casa.

“In alcuni casi, stiamo vedendo che i paesi forniscono ambienti relativamente sani per i bambini all’interno dei loro confini, ma sono anche i principali responsabili dell’inquinamento che sta distruggendo gli ambienti dei bambini all’estero”, ha aggiunto.

Pertanto, l’UNICEF ha chiesto ai governi di guidare “a livello nazionale, regionale e locale nel miglioramento dell’ambiente per i bambini, riducendo i rifiuti e l’inquinamento dell’aria e dell’acqua e garantendo alloggi e quartieri di alta qualità”.

“(Dobbiamo) garantire che le politiche ambientali tengano conto dei bambini. I governi e i responsabili delle scelte politiche dei paesi siano in grado di garantire che i bisogni dei bambini siano incorporati nel processo decisionale”, ha concluso.

Exit mobile version