Redazione

Direttore

Giuseppe Tagliente

Capo Redattore

Rosa Milano (avv.rosamilano@gmail.com)

Direttore di Redazione

Elio Bitritto

Collaboratori

Michele Del Piano

Alessandro Tucci (alessandro.tucci1@gmail.com)

Filippo Salvatore

Alberto Savelli

Giuseppe F. Pollutri

Tiberio Occhionero

Per Banner Pubblicitari

Edda Di Pietro (tel.339.8135256)

Giuseppe Giannone (tel. 333.3799353 - pinogiannone@tiscali.it)

6 Commenti a Redazione

  1. Anonimo scrive:

    complim

  2. giuseppe iezzi scrive:

    nemmeno un rigo per la cerimonia di intitolazione della sala civica di Canosa al Dott. Filippo Andreacola?

  3. Anonimo scrive:

    Gentile redazione, mi piacerebbe collaborare con voi, vi mando il mio ultimo articolo:
    Anatocismo e Usura: l’afflizione illegittima praticata dalla banca

    Applicati dai potenti del Signoraggio Bancario, permette all’alta finanza di estorcere e creare moneta in modo occulto.

    Titoli, derivati, swap, mutui, c/c, leasing, fidi e carte di credito sono i prodotti presi di mira dalle banche. Attraverso un meccanismo invisibile e potente, riescono a mettere in ginocchio imprese e famiglie, mediante un ingiusto metodo di calcolo debitorio, al fine di creare denaro alle spalle dei risparmiatori.

    Sappiamo bene che l’istituto di credito nasce e si pone nel sistema economico come intermediario, tra produttori di moneta e risparmiatori, al fine di raccogliere denaro, o prestarlo, mediante un guadagno scaturito da interessi legali: altresì, questo compenso a fronte del capitale accordato è spesso applicato da tassi fuori mercato, con il solo fine di creare capitali, violando le norme di legge, a scapito dei comuni mortali.

    Tutto ciò fa sì, che all’interno dei prodotti bancari acquistati dal cliente-risparmiatore, vi sia una possibilità molto elevata di anomalie finanziarie, chiamate Anatocismo e Usura, due reati diversi dal punto di vista giuridico. L’anatocismo rientra nell’illecito civile, contestabile attraverso l’applicazione di interessi minori su una base più larga pari al debito residuo e alle quote interessi già pagate, mentre l’usura perseguibile penalmente, è l’applicazione diretta di interessi esorbitanti, naturalmente il cliente è all’oscuro su questa forma di signoraggio bancario a vantaggio esclusivo degli istituti di credito.

    Il tema a tutt’oggi poco conosciuto, ma attraverso una serie di semplici accertamenti può permettere al cliente di evidenziare vizi e anomalie sui propri prodotti, al fine di:

    Recuperare il mal tolto
    Rinegoziare le condizioni
    Porre in atto delle azioni giudiziarie a un fine difensivo nei confronti della banca.
    Giuridicamente, la pratica anatocistica è molto contenuta, visto che si parla di pratica civile. Si limita al rimborso delle somme ingiustamente estorte a favore del correntista, mediante una capitalizzazione semplice, diverso il reato di usura, in questo caso il diritto penale annovera l’usura come reato.

    Il sistema bancario non è immune dal reato di usura. Purtroppo si sono verificati molti casi di istituti di credito, banche e società finanziarie che sono stati condannati dai tribunali per aver applicato interessi usurari, questo tipo di atto illecito prevede l’apertura di un’indagine penale da parte della magistratura al fine di perseguire i presunti responsabili tramite la legge 108 che ha inasprito la sanzione.

    Dopo la sentenza n. 21095/2004 della Corte di Cassazione si è tornato finalmente a parlare di anomalie bancarie, anche se in maniera molto superficiale, ma vista la grave crisi economica, la possibilità di recuperare somme di denaro ingiustamente pagate non è cosa da poco. Il cliente-risparmiatore che crede di essere vittima (forse un po’ tutti) d’illecito bancario, deve recarsi presso un’associazione o studio privato di consulenza bancaria abilitato, al fine di far chiarezza sul rapporto contabile di conto corrente o strumento finanziario.

    • redazione scrive:

      Accettiamo volentieri la collaborazione offerta. Le problematiche di cui ti occupi interessano Quiquotidiano che se ne e’spesso occupato. Gradiremmo tuttavia poter sapere con chi parliamo. L’anonimato onestamente non ci piace. Intanto pubblichiamo il pezzo. Un cordiale saluto. La redazione.

  4. linda scrive:

    La signora Orsini ha dedicato un pensiero molto delicato e anche Forte al carissimo Santo Padre
    Giovanni Paolo II che ci ha lasciati dieci anni fa…
    Ho cercato informazioni e penso sia una giornalista comunque senza dubbio una bella persona.
    Grazie alla signora Orsini e grazie alla redazione di Quiquotidiano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*