Tagliacozzo.Rete di spacciatori smantellata in Marsica dai Carabinieri

:12039596_10206534520353661_4974063876699254622_n] Rete di spacciatori smantellata in Marsica dai Carabinieri di Tagliacozzo Gli snodi dello spaccio erano istituti scolastici e locali pubblici, i piccoli spacciatori trattavano hashish, marijuana e cocaina le dosi purtroppo erano destinate a clienti giovanissimi che dai semplici spinelli erano così passati a roba pesante rovinando la serenità delle loro famiglie. Disperata la madre di un studente ha chiesto aiuto ai carabinieri di Tagliacozzo denunciando quando accadeva dinanzi le scuole, gli sopacciatori agganciavano molti giovani che così sono finiti nel tunnel della tossicodipendenza. Questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Tagliacozzo, supportati dalle unità cinofile antidroga provenienti da Chieti e dai militari della Compagnia di Avezzano, hanno eseguito 5 ordinanze di custodia cautelare e 2 provvedimenti di obbligo di dimora nei confronti degli spacciatori,tutti marsicani. Le persone denunciate al termine dell’attività sono state 19 e tra gli psacciatori figura anche un minore la cui posizione viene vagliata in queste ore. La custodia cautelare è stata disposta per Luigi Barbonetti, 24 anni, residente a Luco dei Marsi, Vincenzo Casale, 34 anni, residente a Tagliacozzo, Alessandro De Luca,23 anni, residente a Tagliacozzo, Luigi Liberati, 44 anni, domiciliato a Tagliacozzo, Stefano Rubeo, 31 anni, residente a Tagliacozzo. Tutti e 5 gli arrestati si trovano ora in regime di arresti domiciliari nelle proprie abitazioni. Obbligo di dimora nel Comune di residenza invece per Giuseppe Angeloni, 19 anni, residente a Magliano dei Marsi e Marcello De Luca, 24 anni, residente a Tagliacozzo.

 

Impegnati nelle indagini, partite a novembre scorso, i militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Tagliacozzo, guidata dal capitano dei Carabinieri Edoardo Commandé, hanno ricostruito nel dettaglio i diversi passaggi dell’attività di spaccio di sostanze stupefacenti dei marsicani con pedinamenti, intercettazioni e servizi di controllo e osservazione. Per i 7 raggiunti oggi dal provvedimento cautelare il giudice per le indagini preliminari ha ritenuto sussistente il pericolo di reiterazione del reato e ha pertanto deciso di applicare delle misure restrittive nei loro confronti. I servizi di osservazione hanno permesso di scovare l’attività di spaccio denunciata nei pressi di scuole o dei locali pubblici. Con l’utilizzo di strumenti tecnici, tipo intercettazioni telefoniche, è stato possibile ricostruire una vera e propria rete di spaccio nell’area tra Tagliacozzo, Scurcola Marsicana e Magliano dei Marsi, riscontrata da servizi di appostamento, perquisizioni, sequestri e arresti. Il titolare dell’indagine è il Sostituto procuratore Roberto Savelli della procura di Avezzano. Tra gli spacciatori figura anche un minorenne, la cui posizione è al vaglio della Procura per i minori dell’Aquila e una donna, per il resto si tratta di studenti e operai, due di nazionalità marocchina e un albanese, gli altri sono italiani e tutti vivono in Marsica. Tra gli indagati alcuni hanno precedenti: N. C. 35enne, a gennaio finì in manette per pochi grammi di cocaina, l’uomo risiede a Roma così anche A.R., 37 anni. Non mancano precedenti di polizia per il bracciante agricolo A.H., marocchino di 37 anni, residente ad Avezzano cosi per E.K., marocchino di 20 anni, arrestato per spaccio. Nessun precedente per F.B., 26 anni, residente a Roma; A.N., albanese di 23 anni residente a Tagliacozzo; E.D.G., 18 anni di Massa d’Albe, R.D.A., 18 anni, G.P. (unica donna tra i 19 indagati), 21 anni; G.T. 20 anni; P.C., 33 anni ; F.P., 21 anni, quest’ultimi residenti a Tagliacozzo. mariatrozzi77@gmail.com

 

26 settembre 2015

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*