Lanciano. Sabato al “Fenaroli”, conversazione sui Pastori Antinori

PASTORI ANTINORIIIIIIIIIIISabato 14 novembre, alle ore 17,00, presso il teatro Fenaroli conversazione su: “I PASTORI ANTINORI Dopo il lungo sonno riprendono il cammino”. Intervengono
LUCIA ARBACE, Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici per l’Abruzzo; GIAN GIOTTO BORRELLI, Docente di Università degli Studi Suor Orsola Benincasa – Napoli; GIACOMO DE CRECCHIO e GAETANO DE CRECCHIO, studiosi del Presepe Antinori. Modera MARIA ROSARIA LA MORGIA, giornalista Rai Abruzzo. Presenziano
MARIO PUPILLO, Sindaco del Comune di Lanciano e GIUSEPPE VALENTE, Assessore alla Cultura, Turismo e Commercio
Il gruppo di pastori che verrà esposto nel Polo Museale Santo Spirito dal 14 dicembre 2013 al 12 gennaio 2014 sarà sottoposto per primo al restauro grazie al contributo erogato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali che la Soprintendente BSAE dell’Abruzzo Lucia Arbace ha tenacemente perseguito.
Dalla recensione di Carlo Vallauri pubblicata su SCENA ILLUSTRATA SUL WEB di sabato 1 giugno 2013
IL RISVEGLIO DEI PASTORI in una singolare ricostruzione artistica di Giacomo e Gaetano de Crecchio a Lanciano.
Se è vero che l’autentica cultura nasce dall’amore, dall’anima che ciascuno può dare al suo lavoro, possiamo comprendere meglio il significato della singolare operazione compiuta da Giacomo e Gaetano de Crecchio per risvegliare antichi pastori da lungo tempo dormienti tra anticaglie e bauli ma ridestati grazie alla cura ad essi prestata dai due tenaci studiosi abruzzesi (padre e figlio).
[… ] E se possiamo ora ringraziare i de Crecchio per aver condotto a termine un lavoro così delicato viene adesso al lettore il desiderio di poter un giorno ammirare direttamente, in una degna collocazione – punto d’incontro tra le memorie del passato e la continuità significativa delle tante figure e dei loro gesti – quel “piccolo mondo”, ricostruito e rappresentato, con esemplare spessore morale, ancora prima che fisico, tanto da confermare come i segni della religione possano insegnare anche ai non credenti, come ha scritto recentemente il filosofo Alain de Botton (Del buon uso della religione).

11 dicembre 2013

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*