Vasto. Polemica sul funzionamento della farmacia in ospedale.Replica la direttrice Di Risio.

FFFFAAAARRRMACCCCCCCIIAAAAAAAAAAAAAAAlla nota di ieri con cui erano state avanzate critiche alla gestione della Farmacia ospedaliera da un certo signor Rudy Spida, risponde oggi con argomenti ineccepibili, la direttrice del servizio, dott.ssa Angelora Di Risio, di cui pubblichiamo ben volentieri la lettera inviata alla Redazione,  senza apportare neanche la modifica di una sola virgola. Esattamente come abbiamo fatto ieri per dovere di informazione

“” Facendo seguito all’articolo pubblicato ieri su Quiquotidiano dal titolo “Vasto. Fila e tanta pazienza alla farmacia dell’ospedale” si precisa quanto segue:

**  La farmacia Ospedaliera di Vasto distribuisce i farmaci “H”, farmaci del PHT, farmaci per pazienti in cure domiciliari, farmaci per pazienti dimessi, farmaci per pazienti ricoverati in RSA, farmaci e materiale per Malattie Rare e Fibrosi Cistica, prodotti aproteici.
A differenza di altre farmacie ospedaliere aziendali, a Vasto il Servizio è aperto dalle ore 9 alle 13 tutti i giorni, sabato compreso. Inoltre il giovedì, dalle 13 alle 14, viene consegnato il materiale per la nutrizione artificiale domiciliare (NAD).
Il bacino d’utenza della farmacia è ampio, coprendo il medio e alto vastese, poichè lo sportello della Distribuzione Diretta presso il PTA di Gissi è aperto solo nei giorni di lunedì e venerdì, pertanto la fila non è dovuta a lentezza, bensì dall’ afflusso enorme di pazienti

** Un farmacista è impegnato a tempo pieno allo Sportello, e dedica ad ogni paziente il tempo necessario per l’evasione della sua pratica.

** La lamentela del cittadino si riferisce alla procedura per il ritiro dei prodotti aproteici per pazienti nefropatici, l’unica che prevede l’accesso al CUP per il pagamento con il modulo compilato in farmacia dall’addetto alla distribuzione, come da Protocollo operativo Aziendale approvato con Delibera 1369 del 20/12/2010.

La fornitura dei prodotti aproteici, pur non essendo ricompresa nei LEA (e quindi a totale carico dell’assistito), è stata concessa dalla ASL a prezzi più contenuti rispetto a quelli praticati nel libero mercato, in ottemperanza alla DGR 684/2009, per venire incontro alle Associazioni dei pazienti

** Alla Farmacia Ospedaliera di Vasto, gli  angusti locali sotterranei sono stati assegnati nel 2007 dopo ristrutturazione dei locali da parte della ASL e risultano idonei per la collocazione, dati gli elevati carichi che sostiene.

Distinti saluti.                                                          IL DIRETTORE  (Drssa Angelora Di Risio)

 

L’articolo di riferimento

Sono un cittadino che vuole segnalare con la presente un disservizio che definire indecente è dire poco: l’approvvigionamento di farmaci o altro materiale presso la farmacia ospedaliera richiede tantissima  pazienza per sottoporsi ad interminabili attese. La trafila è’ presto detta: ci si deve recare negli angusti locali  sotterranei dell’ospedale e fare una prima fila chilometrica dove viene detto ciò di cui si dispone. Poi ci si deve recare presso il  Cup dove siamo attesi da una seconda fila chilometrica per pagare il  materiale di cui la farmacia dispone e che ci fornirà. Dopo aver pagato ci si reca nuovamente in farmacia per il ritiro del materiale ma solo aver fatto una terza ed ultima chilometrica fila. In conclusione si deve disporre di una buona mezza giornata di tempo e , come detto di enorme dose di pazienza e tutto questo grazie a chi “gestisce” un servizio in questo modo!                                Rudy Spida

 

13 giugno 2013

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*